Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai nell'apposita sezione.

Per tutti i bambini del mondo

For the children of the world

Who we are 

squadra From Adriano Assandri's words...
Read more

Projects in the world 

planisfero Follow Need You projects around the world...
Read more

Support us 

sostienici To support projects and activities for the children, you can make a DONATION...
Read more

Super User

Super User

Friday, 12 June 2015 15:48

Why Need You

Need You Onlus is a NO-PROFIT organization set up in order to help poor children living in Don Orione foundation’s communities all over the world. At the moment, Need You also supports other organizations which help children in difficult situations.

Some years ago, Adriano Assandri, a businessman from Northern Italy, together with a group of friends, decided to devote some of their time and money to destitute people, especially CHILDREN.

The aim of the organization is to provide help and protection to children, both in Italy and abroad, with special attention to those living in developing countries.

Need  You Onlus intends to protect and support children and teenagers in the Third World, providing  help constantly.

The main activities are:

- SAD - Distance adoption - (support)- It’s not a legal adoption, but a project that aims to support orphans and children of poor families

- Construction of hospitals, schools, recreation centers, rehabilitation centers, atelier for prosthetic  construction, operating theatres, rescue villages, centers   for vocational  education, sport centers and much more

- Fund-raising  campaigns and events

- Collaboration with other No Profit associations

 

Words from the President, Adriano Assandri:

Because of my job, I’ve travelled all over the world: from Italy to Venezuela, from North Korea to New Zealand ... I’ve filled up 15 passports with stamps and visas. I’ve met a lot of people from many different countries from whom I've learned a lot about several cultures; it was during my trip to Brazil that something  changed inside me and pushed me to get closer to the world of volunteerism  and international cooperation.

In 1982, I was strolling through the streets of Rio de Janeiro with one of my Brazilian clients, when  my attention was caught by a child who was sleeping huddled up  in front of the bank’s entrance. He was about 8 years old, with curly blonde hair and blue eyes. All of a sudden I thought, "That child is like my brother."

My childhood came into my mind: my neighborhood, my old house, the blankets that didn’t keep warm at all, the arguments over money and my brother with his blue eyes and smile.

Suddenly, I attempted  to get close to the Brazilian child, but my client stopped me and said, "What are you doing? Can’t you see that it’s a street child?". Those words resounded in my head as a warning against a rabid dog. But it was not a dog ... he was a child. A child like my brother.

Just at that moment I thought that if my brother had been born in Brazil, in a favela, he probably would have slept at the entrance of a bank and would have been pointed at as a dangerous animal. His fate would have been different. Very different.

From that moment on I’ve started doing my best to change things. Thanks especially to my meeting with Dr. Santero, I had the opportunity to know the Don Orione Foundation and its Communities in Ivory Coast and Brazil, and to support their projects in order to give children the chance to live a different life. A better life.

Some friends of mine and I decided to set up Need You Onlus in order to synergistically help the children of many communities and missions all over the world.

When people ask me "Why?", I like to tell a story that my dear friend Max Damioli sent me:

“After a storm, a young girl on the beach  was trying to throw back into the sea hundreds of starfishes washed up on the beach by the rough water. A man approached her and asked what she was doing and she replied candidly: “ I’m throwing the starfishes back into the sea”. Then the man said, "Can’t  you see they are millions? What difference can it make?". The girl replied, "It makes a difference for the ones that I throw  back into the sea."

Grazie alla legge finanziaria n. 266 del 23 dicembre 2005, puoi sostenere Need You ONLUS scegliendo di destinare il 5 X 1000 dell'imposta del reddito sulle persone fisiche (IRPEF) alle attività della nostra ONLUS.

Per fare questo sulla tua dichiarazione fiscale (modello integrativo CUD 2006, modello 730/1 bis o Modello Unico Redditi Persone Fisiche) dovrai firmare nel riquadro ove è scritto: "Sostegno del volontariato, delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale, delle associazioni e fondazioni", indicando nell'apposito spazio il codice fiscale di Need You ONLUS: 90017090060

Non si tratta di un aggravio alle tue imposte : lo Stato rinuncerà alla quota del 5 X 1000 per destinarla alla finalità da te indicata. Con una semplice firma, quindi, potrai dare una aiuto importante a tutti i "nostri" bambini.

Inoltre donare il 5 X 1000 alla Need You, non preclude il fatto di poter donare l' 8 X 1000 alla Chiesa Cattolica o ad altre confessioni religiose, per scopi definiti dalla legge: potrai quindi donare sia l' 8 X 1000 che il 5 X 1000.

Qualora tu debba redigere solo ed esclusivamente il modello integrativo CUD 2006, poichè questo modello non deve essere presentato all'Amministrazione Finanziaria, per far si che il 5 X 1000 venga destinato alla nostra ONLUS, hai due possibilità:

  1. consegnarlo in busta chiusa ad uno sportello di una banca o di un ufficio postale che provvederà a trasmetterlo all'Amministrazione Finanziaria. La busta deve recare l'indicazione: "SCELTA PER LA DESTINAZIONE DEL CINQUE PER MILLE DELL'IRPEF", nonchè il TUO codice fiscale, il tuo nome e cognome. Il servizio da parte delle banche e degli uffici postali è gratuito. Nel caso in cui tu abbia effettuato la scelta sia per la destinazione dell'8 X 1000 dell'IRPEF sia che del 5 X 1000 dell'IRPEF, può essere utilizzata un'unica busta recante l'indicazione: "SCELTA PER LA DESTINAZIONE DEL CINQUE E DELL'OTTO PER MILLE DELL'IRPEF".
  2. consegnarlo ad un intermediario abilitato all'intermediazione telematica (professionisti, CAF, ecc...) che deve emettere una ricevuta attestante l'impegno a trasmettere la scelta. Questo servizio potrebbe essere effettuato dietro pagamento di un corrispettivo.
Friday, 12 June 2015 15:48

FAQ

  1. 1.What is  Long Distance Adoption?

    Long Distance Adoption is a concrete action of solidarity in support of children in the poorest countries and their families; they receive food, schooling and medicines they need, remaining in their country and with their families.

    Thanks to Long Distance Adoption families are able to take care of their children; thus, the disintegration of the family unit because of the pressure of economic difficulties is avoided.

     2.What does the child receive?

    Thanks to your contribution we will pay for the basic needs of a child, for example:

    School fees

    Educational material

    Medical treatments

    Vaccinations

    Etc..

    Transparency and correct information is very important for us: the benefactors will be duly informed about the destination of their funds through, for example, regular newsletters, photos, documents, in order to prove the actual realization of the projects supported.

    3.How much does it cost?

    If you choose to sponsor a child, the cost is 250 euro per year. Payment can be made by transfer to the bank account  c/o The Banca Carige (Acqui Terme branch), specifying the reason (e.g. "Adozione a distanza”- Costa D’Avorio).

    4.How long does “the Adoption” last?

    It is like a real adoption: it can last until the child is able to support himself.

    However, you can terminate the adoption at any time, by giving a three months’ notice in order to find another “adoptive parent”.

    5.Why support a Distance Adoption project?

    It is much more than a simple economic help, since it establishes a bond of solidarity, mutual understanding and affection between different populations.

    It is a concrete sign of the union of populations that nowadays we clearly need.

    6.Who can support a child?
    Special conditions to support a child are not required. The spirit of solidarity is enough!

    7. Who do we support?

    Our Distance Support projects aim to help poor children in Bonoua (Ivory Coast), Payatas (Philippines), Bukavu (D.R. Congo), from 0 to 18 years old; we give priority to orphans, disabled, with single-parent or seriously ill parents. Occasionally the support can be extended over time to permit the continuation of studies.

    8. How can I get information about child’s health and school progress?

    After the payment, the specific documentation of the child will be sent to you. Moreover, whenever we receive news about the child, we will report them to you.

    9.Can I get in touch with the child?

    Yes indeed. If you wish, you can start an exchange of letters, drawings or photos with the adopted child. You can also travel to the country to visit the child or learn about the project. Our representatives in the country will favor the encounter and the contact between the parties.

    10. Can the amount be detracted?

    Yes, if you keep a copy of the payment, you will write off the expenses on your taxes (only in Italy)

    11.I wish to participate as a volunteer in the projects supported by Need You Onlus. Who should I contact?

    First of all, you should contact our Association that will put you in touch with the representatives of the various volunteer centers.

    12 What is a non-governmental organization (NGO)?

    It is a no-profit organization that operates in the field of cooperation with developing countries, qualified  by the Ministry of Foreign Affairs to carry out  cooperation programs  in accordance with art. 28 of Law no. 49 of 1987. The DGCS (Directorate General for Development Cooperation) may entrust the implementation of PROGRAMS, that is, it can contribute to the realization of the initiatives proposed to Italian NGOs and also belonging to the EU or to States parties of the Agreement on the European Economic Area.

    13 What are the key points of the Italian Law on Development Cooperation?

    The Law 49 of 26 February 1987 disciplines the cooperation between Italy and Countries in the developing world. The article 1 states: “Development cooperation is an integral part of Italy's foreign policy and pursues the objectives of solidarity among peoples and the full application of the fundamental human rights. It is inspired by the principles sanctioned by the United Nations and by EEC-ACP [African, Caribbean and Pacific Group of States] agreements.

    Its aim is to satisfy primary needs and, first and foremost, to safeguard human life, food self-sufficiency, the enhancement of human resources, the conservation of the environmental heritage, the implementation and consolidation of endogenous development processes and the economic, social and cultural growth of developing countries. Development cooperation shall also pursue the goal of improving the status of women and children and supporting the promotion of women.(…)”

    The Italian Development Cooperation is an integral part of foreign policy and pursues the international objectives of economic and social development.

    The general objectives of the Development Cooperation are fixed in the multilateral agreement  (UN, The World Bank, OECD) and the European Union. The objectives of the Millennium Development Goals, adopted by the Countries in the UN Millennium Declaration of September 2000, are the basic guidelines for developing policies.

    The specific objectives, geographical and thematic, of the Italian Cooperation also stem from the commitments made by Italy for the G8 summits in Genoa, Kananaskis and Evian and the European Council in Barcelona and Seville in the areas of financing for development, food security and sustainable development.

    The main initiatives the Italian Development Cooperation is currently conducting are:

    G8 Africa Action Plan, to support the countries of the continent;

    G8 Action Plan in support of education for all (Education for All);

    G8 Genoa Action Plan to overcome the digital divide and the Italian e-government initiative for development;

    participation in the process of rehabilitation and reconstruction in Iraq, and participation in the process of pacification and reconstruction of Afghanistan;

    participation in the fight against hunger in the world through the Special Fund for Food Security of the FAO, of which Italy is the first donor;

    the Global Fund to Fight AIDS, Tuberculosis and Malaria;

    support to Argentina after the recent economic and financial crisis;

    promotion of legal and judicial reforms in developing countries for the establishment of democratic systems;

    protection of cultural heritage and environment;

    improvement and protection of women; fight against human trafficking; measures to prevent and combat the exploitation of children in situations of risk, armed conflict and work;

    Overall, about 40% of Italian aid is paid to the 49 countries classified by the UN as Least Developed Countries; Italian development aid is geographically distributed as follows: Sub-Saharan Africa (40%), the Middle East and North Africa (25%), Balkan Europe (12%), Latin America (15%), Asia (8%).

    The major providers of Italian ODA are the Ministry of Foreign Affairs and the Ministry of Economy and Finance (about 1/3 each). Added to this, for smaller amounts, other departments such as Environment, Production, Health, Interior and institutions of decentralized cooperation (Regions, Provinces, Municipalities). The last third of Italian ODA consists of transfers from the European Union.

    A new fundamental and distinctive strategy of the Italian Cooperation is the increasing  use of decentralized cooperation made ​​with regions, municipalities, public and private foundations, associations, universities and research centers in order to move the entire "System Italy" towards important projects of development cooperation in accordance with the UN Millennium Development Goals, which call for a growing partnership between public and private sector in the fight against poverty and global challenges.

    14. What is Fair Trade?

    Fair Trade is a trading partnership, based on dialogue, transparency and respect, that seek greater equity in international trade. It contributes to sustainable development by offering better trading conditions to, and securing the rights of, marginalized producers and workers – especially in the South. Fair Trade Organizations, backed by  consumers, are actively engaged in supporting producers,  awareness  raising  and  in campaigning  for  changes  in  the  rules  and practice  of conventional international trade. Fair Trade products are produced and traded in accordance with these principles - wherever possible verified by credible, independent assurance systems.

Friday, 12 June 2015 15:48

Links

FONDAZIONE DON ORIONE

Fondazione Don Orione official website.

www.fondazionedonorione.org

WORLD FRIENDS

Nonreligious and nonparty association that is based on the values ​​of solidarity and justice with particular reference to health, education and personal dignity.

www.world-friends.it

POLE POLE ONLUS

Association of Sezzadio (AL), which operates in Tanzania (Dodoma region, Hombolo mission) to help and support the community.

www.polepoleonlus-sezzadio.org

S.I.E. ONLUS

Association of International Solidarity and Emergencies, operates in the Balkans and in Eritrea, lending economic support and educational projects in particular in postwar reality.

www.sieonlus.org

YOU ABLE ONLUS

Non-profit association that aims to protect the health of the disabled people, in Italy and abroad, through the recovery from disability.

www.youable.org

AIUTIAMOCI A VIVERE ONLUS

Association of Acqui Terme, founded in 1996 with the purpose of offering psychological and economic support to cancer patients and their families. The Association collaborates with Need You on awareness-raising projects and volunteering in schools.

www.aiutiamociavivere.it

IL MIO DONO

The solidarity network of Unicredit, the site on which you can view, select and support online projects with other associations.

www.ilmiodono.it 

1CAFFE' ONLUS

Site on which a different charity project is presented every day. You can subscribe to it via SMS or Paypal.

http://www.1caffe.org

ASSOCIAZIONE ADRONE

It offers relational tools, practical tips, new communication models (the result of personal experiences and clinical advice) to improve the emotional climate of all those families who felt abandoned after having adopted a child, for all those who are afraid of being judged as parents, and for all those guys who love and are grateful to their parents but experience emotions (anger, desires to escape..) that are difficult to manage.

www.adrone.org

Friday, 12 June 2015 15:48

Contacts

NEED YOU Onlus

Strada Statale Alessandria 134 (ex Reg. Barbato N°21)
15011 Acqui Terme - AL -
Italia

Tel +39 0144 32 88 34

Cell. 338 92 60 334
Fax +39 0144 35 68 68
E-mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Friday, 12 June 2015 15:48

Friends

fratelli erodio

Fratelli Erodio

http://www.fratellierodio.it/

Italcementi

Italcementi
http://www.italcementi.it

orafi

 Ador

 www.ador.it

donorione

 Fondazione Don Orione

 www.fondazionedonorione.org

fineco

 Fineco

 www.fineco.it

imeb

 Imeb

 www.imeb.it

lionsacqui

 Lions Club Acqui Terme

 www.lionsclubacquiterme.it

logo mygom4colori

 myGom

 www.mygom.it

logo overgom alta

 Overgom

 www.overgom.com

monaco

 Amitié Sans Frontièrs

 www.asf-italia.org

rotarinizza

 Rotary Club Canelli Nizza Monferrato

 www.canellinizza.rotary2032.it

servesperi

 SEV Orione '84

 www.sev84.org

dcar

 
Dcar di Dario Formiconi

www.dcar.eu

giuso


Giuso Guido Spa

www.giuso.it 

rapetti


Rapetti Foodservice

www.rapettifoodservice.com

cagnolo


Molino Cagnolo

0144 79170

dude


Hey Dude Shoes

www.heydudeshoes.com

footshoes


Foot Shoes srl

www.footshoes-srl.com

LogoCandis


Candis srl

www.candis.sickmind.it

pirelli


Pirelli Spa

www.pirelli.com

marinelli


Marinelli snc

www.marinellisnc.it

alcar


Alcar Italia Srl

www.alcar.it

paglieri logo


Paglieri Spa

www.paglieri.it

baby solutions


Baby Solutions Italia Srl

031 492595

 

 

Friday, 12 June 2015 15:48

Support us

To support projects and activities for the children, you can make a donation in the following ways:

1 - WIRE TRANSFER to:

NEED YOU ONLUS
Regione Barbato, 21
15011 Acqui Terme (AL) - Italia

Banca: Carige
IBAN IT65 S061 75479 4200 0000 583480

Banca: Fineco Spa
IBAN: IT06 D030 15032 0000 00031 84 112

Banca: Unicredit
IBAN: IT63 N020 0848 45000 01013 53990

2 - POST OFFICE CURRENT ACCOUNT
Our current account is: 64869910

Please specify both in the reason for the TRANSFER  and the deposit into the POSTAL  ACCOUNT  the project that you  want to support  (for example: "Distance Adoption Congo").

It is very important that you also specify your name, surname and your full address (if possible also your e-mail address) in order to let us send you the bank transfer receipt and bring you up to date on the child or the work that you support. If we do not  receive this information, your contribution will remain anonymous.

If you do not have a precise idea, your offer will be used for the project more urgent.

3 - ON-LINE  through  Paypal:

 

4 - (only for Italy) donating 5 X MILLE of your income tax on natural persons  to our association

FISCAL CODE  90017090060

5 - click on IL MIO DONO and specify the project and the amount to donate.

 

BECOME A PARTNER of Need You Onlus

(only for Italy)

We remind you that your contribution is tax-deductible:

Natural persons, for the amounts donated to our association, can choose between:

deduct  from taxable  income IRPEF (income tax on natural persons) , up to 10% of the total income and anyway  up to a maximum of 70.000 euro per year (Art. 14, Decree Law  n. 35/2005 converted into Law n. 80 of 14/05/2005  - OJ n. 111 of 14/05/2005);

deduct from the gross tax the 19% up to a maximum of € 2,065.83 for the tax period (Article 15, subsection 1-bis of the Consolidated Act n. 917 of 22/12/1986 amended by the Legislative Decree 460/1997 and the Legislative Decree of 12/12/2003 n. 334)

Companies can deduct from taxable income the donations to the association for an amount equal to the 10% of total income and anyway up to a maximum of 70.000 euro per year (Art. 14, Decree Law n. 35/2005 converted to Law n. 80 of 14/05/2005- OJ n. 111 of 14/05/2005).

In both cases, the payment must be made ​​through bank or post office otherwise  through other payment systems provided for by article 23 of the Legislative Decree n.241 of 9/7/1997.

Carissimi lettori,

oggi vi parliamo del Burkina Faso, e della struttura che la Need You ha realizzato per a Fondazione Don Orione.  Si tratta di un centro ospedaliero composto da 9 strutture per l’accoglienza dello staff medico, dei volontari, dei pazienti, per la terapia  e la cura di svariate disabilità e malattie. Migliaia di bambini vengono curati ed operati presso questo centro: uno dei primi reparti ad essere operativo è stato quello ortopedico, con atelier per le protesi e sale di riabilitazione.

 Nel 2010 alcuni nostri volontari si sono recati in loco per presenziare all’inaugurazione dell’ultimo edificio realizzato: il reparto di oftalmologia.

Con il dott.Loreto dopo linterventoNell’estate del 2012 abbiamo inviato un generatore di corrente da circa 250 Kw, un trasformatore, 3 cabine elettriche e 1 contenitore per tutti gli accessori dell’impianto elettrico necessari per l’erogazione dell’elettricità, con l'aiuto del nostro socio Piergiorgio Benzi della ditta IMEB, ed anche un'ambulanza. Altri benefattori acquesi e non si sono affiancati a noi in questo progetto, e siamo riusciti ad spedire materiale ospedaliero  ed umanitario per un valore complessivo di circa 80.000€!

In Burkina Faso c’è una grossa incidenza di cataratta infantile, causata dalla sabbia del deserto che, portata dal vento, danneggia gravemente la vista, da qui la necessità di cure ed interventi per ridare la luce ai piccoli…

Ovviamente gli interventi riguardano molte altre patologie, l’ospedale lavora ormai a pieno ritmo, curando una media di circa 1.500 bambini l’anno. Tutto questo è possibile grazie al personale locale, gestito dalla Fondazione Don Orione, e alle équipes che partono dall’Italia e prestano servizio volontario presso il centro, come i medici della MK Onlus, con cui siamo entrati in contatto grazie alla nostra collaborazione con il Lions Club Acqui Terme Host, e che negli ultimi due anni hanno effettuato numerosi interventi e visite ai pazienti della comunità di Ouagadougou.

Queste missioni sono veramente importanti, esperienze personali intense ed essenziali per garantire un servizio sanitario efficace e all’avanguardia a chi non potrebbe permetterselo.

Un pilastro del centro è il Dott. Loreto Corradetti, che collabora con noi fin dall’inizio del progetto, ed opera in Costa D’Avorio ed in Burkina Faso.

La sua dedizione ha ridato la vista a migliaia di persone, bambini e adulti, e grazie alla sua competenza è stato possibile per noi inviare nei mesi scorsi due tecnici a risolvere alcuni problemi relativi al funzionamento delle attrezzature ospedaliere.    

In questi giorni ci ha scritto per informarci del suo “resoconto”  degli ultimi mesi, e ci conferma che le cose , procedono bene, si va avanti con entusiasmo, ecco le sue parole:

“Caro Adriano

Sono andato  a Ouaga  ad operare i malati, secondo gli accordi presi, ho effettuato 2 sedute operatorie , venerdì 04/07 e sabato 05/07, ho operato 15 malati di cataratta ed 1 malato di cataratta e glaucoma, in totale 16 interventi più' le visite effettuate come di routine.

Gli interventi sono andati bene, ho dato  prima di partire una nuova disponibilità' per il mese di settembre con una cadenza di 45 giorni.

Abbiamo un problema in sala operatoria: il guasto che aveva il microscopio si è' ripresentato di nuovo, il pedale non risponde alla traslazione in alto e in basso, penso che sia dovuto alla umidità, è necessario un nuovo intervento?

Attualmente l'Ospedale è aperto dal lunedì al venerdì , ci sono due oculisti Burkinabe che effettuano visite ed interventi chirurgici.

LUNEDÌ AMBULATORIO

MARTEDÌ AMBULATORIO + INTERVENTI

MERCOLEDÌ  INTERVENTI

GIOVEDÌ AMBULATORIO

VENERDÌ AMBULATORIO

I medici sono:Loreto 2

Dr.ssa Gertrude Meda, che ha effettuato una formazione a BONOUA di  circa 1 mese, visita ed effettua circa 4/5 interventi a settimana.

Dr. Sanocou Gerome, visita ed effettua circa 8/10 interventi a settimana.

 Attualmente  siamo operativi con i due medici locali, operano  con tecniche non attuali ma efficaci per Ouaga, perché sono a basso costo.

Spero di formarli nel tempo, sono volenterosi.

E' necessario reintegrare dei materiali di consumo, che sono finiti ed alcuni scaduti, a giorni invio i dettagli per l'acquisto, e spero riuscirai a trovare i fondi.

Cordiali saluti

Dr. Loreto Corradetti”

Come potete constatare, le cose non sono facili, i problemi si risolvono e si ripresentano, l’organizzazione richiede un grande impegno e un investimento in forza umana e denaro non indifferenti, ma i risultati che otteniamo ci danno l’entusiasmo per andare avanti e cercare fondi e soluzioni, si tratta davvero di restituire qualcosa di importante ed essenziale, come la vista, a persone che non potrebbero permetterselo altrimenti.

Per questo ringraziamo di cuore tutti i volontari che a loro spese si recano in questi centri per aiutare i “nostri” bambini e le loro famiglie, ed i nostri benefattori, sempre pronti a supportare queste iniziative con grandi e piccole donazioni. Ogni contributo è come manna dal cielo per i nostri progetti, per cui non esitate a contattarci per avere maggiori informazioni o per affiancarvi a noi… come diceva H. D. Thoreau: “La bontà è l’unico investimento che non fallisce mai.” 

Ringraziamo in particolare tutti i benefattori che hanno inviato denaro per questo progetto, sappiate che i miracoli li fate voi con le vostre donazioni: pensate a che vita infernale possa fare un bimbo non vedente, specialmente in Africa, senza assistenza medica adeguata. Sappiamo poi che in Africa il “diverso” viene emarginato, la malattia è vista come una maledizione, e la società lo scarta: sfortunato nella vita e coi suoi simili. Questo fa meditare.


Con affetto e riconoscenza,

Adriano e Pinuccia Assandri

Buongiorno carissimi amici,

questa settimana vogliamo parlarvi del Marocco.

Lo scorso dicembre, il nostro socio e attivo collaboratore Ahmed Fliyou, originario appunto del Marocco, ci ha chiesto se fossimo disposti a consegnargli del materiale che avrebbe poi portato personalmente ad un centro per disabili a Fès, sua città natale, nel centro-nord del Paese.20-07 Attaouassole1

Ahmed è una persona buona, su cui la Need You può contare: il suo aiuto ci è da sempre fondamentale per il ritiro del materiale che ci viene donato e per l’allestimento dei carichi di beni umanitari, un lavoratore instancabile e volenteroso, gentile e sempre sorridente.

L’associazione di cui ci ha parlato è l’Attaouassole, nata nel 2007 per sostenere bambini e ragazzi (dai 10 ai 30 anni) con ritardo mentale, ed integrarli nella società, assicurando loro istruzione,  assistenza sanitaria, apprendimento di un mestiere tramite scuole professionali.

È un compito molto importante, e le necessità del centro sono svariate, così, quando Ahmed ce ne ha parlato, siamo stati felici di poter approfittare del suo viaggio in patria, durante le vacanze natalizie, per inviare scarpe ed abbigliamento a questi ragazzi.

 Il nostro amico è partito con la sua famiglia per Fès, e si è subito recato alla comunità per consegnare personalmente ai responsabili del centro camicie, maglie, calzoni, scarpe, tutta merce nuova donataci dagli amici della ditta Alcar Italia di Milano, e dalla Dude Shoes di Lamporecchio (PT), che ogni anno pensano ai “nostri” bambini, e che ringraziamo di cuore.

I ragazzi ospiti del centro sono stati felicissimi di ricevere questo dono inaspettato, che ha portato sorrisi e dignità a queste persone che forse per la prima volta nella loro vita hanno potuto indossare abbigliamento nuovo.  Purtroppo la povertà è grande, e le difficoltà di reperire i fondi, a volte anche solo per il cibo quotidiano, sono molte. I ragazzi con disabilità soffrono anche di più, sono spesso dimenticati, senza l’aiuto di nessuna istituzione, le persone che hanno un disabile in casa comprendono fin troppo bene.20-07 Attaouassole

Dalle foto che ci ha portato Ahmed al suo ritorno, potete vedere quanti siano i ragazzi e quanto essi abbiano apprezzato il regalo che la nostra associazione ha mandato loro.

A volte basta un piccolo gesto per portare speranza ed un po’ di luce a chi lotta per avere una vita dignitosa, e siamo felici di aver potuto dare il nostro contributo, grazie ai nostri benefattori.

Don Orione diceva: “Fare del bene sempre, del bene a tutti, del male mai a nessuno”, e volentieri seguiamo il suo esempio… siamo fieri di riuscire ad aiutare ragazzi di ogni etnia, religione e colore della pelle, non badiamo al credo, ma aiutiamo per aiutare rispondendo alle richieste di aiuto ogni volta che possiamo.

Le immagini di questi ragazzi, come sempre, ci ripagano dei nostri sforzi, e desideriamo condividere i loro sorrisi con voi, che siete sempre pronti a collaborare e sostenere le nostre iniziative.

Con affetto e riconoscenza,

Adriano e Pinuccia Assandri

Buongiorno carissimi amici,

oggi siamo in Giordania/Siria.

Vi raccontiamo queste storie di vita reale per far capire a tutti i nostri lettori l’uso che facciamo del denaro che ci viene donato, e anche per raccontarvi le tragedie di questi bambini dimenticati da tutti, ma non da noi.

L’iniziativa è nata da una bella collaborazione tra Onlus per un fine comune, che è sempre quello di aiutare i bambini in difficoltà.

Ci ha contattati l’anno scorso Elena Bonacini della You Able,  di Milano, associazione che si occupa di disabilità fisica: donazione protesi, riabilitazione, avviamento sportivo in Italia e all’estero.

I volontari stavano cercando notizie sulla Costa D’Avorio, sul nostro sito hanno visto che sosteniamo la Fondazione Don Orione anche per il centro ospedaliero di Bonoua, dove esistono un reparto di ortopedia, uno di riabilitazione un atelier per la realizzazione delle protesi ed hanno deciso di conoscerci meglio.

La competenza e l’entusiasmo della Dott.ssa Bonacini ci sono subito piaciuti, ed abbiamo organizzato un incontro presso la loro sede di Milano, per confrontarci su idee e progetti e cercare un canale di collaborazione.

Abbiamo così scoperto che uno dei progetti a cui stavano lavorando riguardava l’ospedale Panzi, di Bukavu, in Congo, dove anche noi stiamo operando per la costruzione di un villaggio-scuola per 500 bambini.

Si tratta dell’ospedale di riferimento per l’intera zona orientale della R.D. Congo, e l’associazione milanese stava raccogliendo fondi per l’allestimento di un’officina per la realizzazione di protesi ortopediche, ed invio di tecnici e medici per la riabilitazione. Ci è sembrato un progetto ambizioso ma ben strutturato, ed abbiamo deciso di collaborare raccogliendo tra i nostri benefattori una somma che speravamo sarebbe stata di incoraggiamento anche per i benefattori dell’associazione stessa.

La Dottoressa Bonacini ci ha sempre tenuti aggiornati sul procedere dell’organizzazione per la realizzazione del progetto, che purtroppo è stato posticipato: difficile reperire i fondi necessari, non è un lavoro a breve termine, e coinvolgere persone ed istituzioni richiede tempo e molto impegno,  lo sappiamo bene.

Per questo, Elena ci ha proposto di utilizzare la nostra donazione per un progetto più urgente: acquistare protesi per i bambini siriani e palestinesi profughi in Giordania. Come potevamo rifiutare? Pensare a questi piccoli, strappati dalle loro case, vittime delle mine anti-uomo e della cattiveria della guerra, ci ha fatto acconsentire senza alcuna esitazione alla proposta della Dottoressa Bonacini, sicuri che i nostri benefattori sarebbero stati d’accordo con noi.

 Nel giugno scorso Elena si è recata personalmente nel campo di Amman per constatare che i fondi fossero andati  a buon fine e conoscere di persona i bambini che hanno ricevuto le protesi grazie ai contributi dei nostri benefattori; al momento sono tre, come potete vedere dalle foto che la volontaria ha scattato insieme a loro: Wahab (alla sua destra , cammina bene già col temporaneo e farà solo la sostituzione del piede), Huda la ragazza più alta (attualmente in stampelle perché con l’invaso temporaneo ha problemi), nella foto singola Farah (che invece cammina abbastanza bene col temporaneo).bimbi-protesi

Elena ci ha assicurati che entro il 15 luglio i tre bambini avranno le protesi definitive, e potranno finalmente camminare di nuovo come gli altri.

I loro sguardi sono di nuovo felici, vi si colgono speranza e dignità, siamo davvero orgogliosi di averli potuti aiutare. Pensate a quante lacrime abbiamo asciugato e a quanta fiducia nel futuro abbiamo dato. Meditate.

Soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, la disabilità si associa ad emarginazione, esclusione sociale, diventando causa e conseguenza di povertà. Le famiglie non sono in grado di prendersi carico del bambino disabile che diventa un “peso”, e se parliamo di mancanza di arti o analoghe disabilità fisiche per le quali una protesi consenta una totale ripresa dell’autonomia, ogni aiuto è fondamentale.

Grazie quindi a tutti i nostri benefattori che continuano a supportare le nostre iniziative dimostrando fiducia nei nostri confronti, ma soprattutto una grande generosità: “L’opera umana più bella è di essere utile al prossimo.” (Sofocle)

Con stima e riconoscenza.

Adriano e Pinuccia Assandri

Page 7 of 14

Latest events 

Newsletter 

If you want to stay updated on our initiatives and our projects, subscribe to our newsletter.
captcha 
Terms and Conditions
#fc3424 #5835a1 #1975f2 #2fc86b #feduc9 #eef11202 #061213103225