Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai nell'apposita sezione.

Per tutti i bambini del mondo

For the children of the world

Chi Siamo 

squadra Dalle parole del Presidente di Need You Adriano Assandri...
Leggi tutto

Progetti nel mondo 

planisfero Segui i progetti di Need You nel mondo...
Leggi tutto

Sostienici 

sostienici Per supportare i progetti e le attività a favore dei bambini, puoi fare una DONAZIONE...
Leggi tutto

Ulan Bator - Progetto Recupero Bambini dei Tombini

 

Località:  Ulan Bator
Partner:    Mongolia Red Cross - Taiganà - Soyombo 
Beneficiari: 300 bambini/ragazzi
Contributo Need You:   11.920 €

 

MongoliaProgetto condotto in collaborazione con altre associazioni italiane, l’Associazione culturale Taiganà di La Spezia, la Soyombo di Milano, la Mongolia Red Cross e quella della Comunità Europea  presente nella capitale Ulan Bator, insieme all'antropologo David Bellatalla. Sosteniamo i bambini di strada della capitale della Mongolia che vivono in condizioni ambientali terribili, vengono chiamati “i bambini dei tombini". Nel quartiere di Chinghiltei di Ulan Bator, il più povero distretto della città, ancora oggi molti minori (si contano 1200 bambini),  per sfuggire al rigido clima invernale (tra novembre e febbraio si toccano dai -35° a -45°), vivono nei tombini della città dove passano le tubature dell'acqua calda e l’aria diventa irrespirabile. Spesso sono fuggiti da casa a causa di situazioni insostenibili: padri ubriachi e violenti, madri single e senza occupazioni e famiglie disastrate.

Questi Mongolia bimbi ulan batorbambini si accalcano nei tuguri dei tombini della città tra la muffa, gli escrementi, gli scarafaggi, i ratti e la soffocante temperatura. Stiamo seguendo l'ampliamento di un fabbricato già esistente (dormitorio e refettorio del piccolo centro assistenza di Chinghiltai) da adibire a centro poli-funzionale per dare ospitalità e provvedere alle esigenze alimentari e didattico-formative di almeno 50 bambine, altrimenti destinate al mercato della prostituzione. Il Centro sarà un vero e proprio “faro nella notte”. Ci sarà inoltre un polo di formazione e avviamento al lavoro per circa 250 giovani con laboratori professionali in ambito della sartoria e panificazione  e di gestione e utilizzo  di piccoli allevamenti finalizzati ad un programma di “avviamento al lavoro” con micro imprese adatte al mercato locale.

Grazie ai proventi delle offerte del libro "C'è un solo Cielo per tutto il Mondo" di Gabriella Pulga, in collaborazione col nostro socio Dott. Maurizio Molan, siamo riusciti ad inviare per il progetto 9.500 €, oltre ai 2.420 € con cui abbiamo sostenuto le spese di spedizione di un container di aiuti umanitari nel 2013.

 

Mongolia edificio  Mongolia Bellatalla 
 L'edificio in via di ristrutturazione  L'antropologo David Bellatalla distribuisce i beni umanitari alle famiglie

 

 

Ultimi Eventi 

Iscrizione Newsletter 

Se vuoi rimanere aggiornato sulle nostre iniziative e sui nostri progetti, iscriviti alla nostra Newsletter.
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
#fc3424 #5835a1 #1975f2 #2fc86b #feduc9 #eef11202 #061213103225